NGIN

Project Work Performance Domain – PMBOK® Guide 7th Edition

Project Work Performance Domain

Secondo il PMBOK® Guide 7th Edition ci sono tre definizioni molto importanti che riguardano questo Performance Domain:

Questo dominio riguarda i processi per l’esecuzione dei progetti, la gestione delle risorse e la creazione di una cultura della loro delivery all’interno dell’organizzazione, assicurandosi che i project manager abbiano la possibilità di imparare gli uni dagli altri e dai loro progetti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è PW.png

Volendo essere più specifici, ci stiamo riferendo al fatto che ogni volta che dobbiamo gestire un progetto, adottiamo dei processi tailored (ritagliati, resi su misura per il nostro progetto e per la nostra organizzazione). La natura e le specifiche di questi processi sono stabilite da un approccio su misura svolto dal team di progetto e dal project manager, nonché dagli stakeholder. Questo dominio si occupa delle attività necessarie per dare forma a tali processi. Insieme a questo, si occupa delle attività e funzioni sulla gestione attiva delle risorse fisiche di un progetto, sull’esecuzione attiva del lavoro sul progetto e sulla promozione di un ambiente di apprendimento efficiente.

Le attività del dominio prendono in considerazione gli aspetti più pratici del lavoro di progetto, ne affrontano tutti gli aspetti più operativi della gestione, tipo la contrattualistica ed il procurement, il change management (la gestione dei cambiamenti), il continuouse learning e così via. Si potrebbe dire che è il tipico insieme di attività che sono più inerenti il Project Support, ovvero delegabili ad un PMO.
Tutti i metodi di lessons learning, retrospective, lean, ricadono in questo dominio. Altrettanto, vi ricadono le attività che sono mirate alla riduzione del Work In Progress e i processi relativi al procurement e al monitoring che possiamo trovare nella 6th edition del PMBOK.
Questo dominio è molto connesso ai principi di tailoring e di changing.

Volendo elencare i tipici project work, possiamo riportare quanto segue:

  • Definire processi efficienti
  • Stabilire sistemi per l’uso del progetto
  • Gestione delle risorse fisiche di un progetto
  • Gestione del team di progetto
  • Gestione procurement e contratti
  • Gestire le comunicazioni con gli stakeholder e comunicare attivamente
  • Promuovere un ambiente di apprendimento e consentire la condivisione delle conoscenze
  • Gestione del flusso di lavoro effettivo del progetto

Le attività che ricadono in questo dominio prestazionale sono in sostanza tutte quelle che rendono possibili le attività degli altri domini prestazionali. Stiamo parlando infatti di attività che forniscono l’environment per rendere efficaci le riunioni del team di progetto, il coinvolgimento degli stakeholder e le interazioni con essi.

Applicazione efficace del Project Work Performance Domain

Per applicare in modo efficace i fattori essenziali di questo performance domain, cosa si deve fare? Quali risultati si devono ottenere? Quali sono i “controlli” da mettere in atto per verificarne l’ottenimento? Di seguito sono elencati i risultati attesi e le verifiche da compiere per ottenerli:

Prestazioni di progetto efficienti ed efficaci: si deve verificare sugli status report che il progetto sia efficace ed efficiente


Processi di progetto adeguati per il progetto e l’ambiente: devono essere raccolte evidenze che processi di progetto siano stati personalizzati, in modo da soddisfare le esigenze di progetto e dell’ambiente. Gli audit dei processi e le attività di quality assurance mostrano che i processi sono pertinenti ed utilizzati efficacemente.


Comunicazione e coinvolgimento appropriati con gli stakeholder: va verificato sul communication plan e sugli gli elaborati della comunicazione che le comunicazioni pianificate siano state forniti agli stakeholder.

Gestione efficiente delle risorse fisiche: si deve verificare che le risorse siano utilizzate in modo efficiente, controllando la quantità di materiali utilizzati, gli scarti eliminati e le rilavorazioni.

Gestione efficace del procurement: si deve verificare che siano stati utilizzati dei processi adeguati, che sono risultati sufficienti per l’approvvigionamento e si deve verificare che le prestazioni dell’appaltatore stianoo rispettando il piano.

Gestione efficace del cambiamento: i progetti che utilizzano un approccio predittivo hanno un registro delle modifiche che dimostra che queste ultime sono valutate olisticamente tenendo conto dell’ambito, dello scheduling, del budget, delle risorsedegli stakeholder e del rischio; i progetti che utilizzano un approccio adattivo hanno un backlog che mostra il tasso di realizzazione dell’ambito e il tasso di aggiunta di nuovi ambiti.

Capacità migliorata grazie all’apprendimento continuo e al miglioramento dei processi: si deve verificare che i report sullo stato del team mostrino un numero di errori e rilavorazioni tali da rivelare un aumento della velocità.


Fonti:

Immagini:

  • Public domain images from Pexels

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.